L’artigianato siciliano di maggior rilievo è, indubbiamente, rappresentato dalla lavorazione della ceramica, insediato a Caltagirone.

Un’ altro settore in via d’ espansione è quello musivo, cioè del mosaico, radicato in Sicilia grazie alla presenza di reperti archeologici, come la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina. Nella zona dell’Etna prevale la lavorazione della lava: l’artigianato esclusivo della pietra lavica, particolarmente fertile tra Paternò e Acireale, dove va segnalata la nuova decorazione cromatica su lastra con tecnica ceramica.
Nelle isole Eolie è attiva la lavorazione dell’ossidiana, sempre più rara.
Nel trapanese la tessitura dei tappeti, nel catanese e nel messinese la creazione di oggetti in terracotta e ceramica finemente decorati.

Anche i souvenir sono un elemento dell’artigianato tipico siciliano, soprattutto quando i tratta di oggetti di qualità come possono essere certi pupi realizzati con grande passione e pazienza certosina dagli ultimi autentici pupari. Oppure la ricostruzione in miniatura degli antichi carretti siciliani, dalle sponde artisticamente dipinte.

Anche l’artigianato siciliano è uno dei settori che vedono sbocco nell’internazionalizzazione. Confedercontribuenti con i propri consulenti supportano questa importante azione di sviluppo economico.

artigianato della ceramica

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...